Mappa per le vacanze in Europa 2021

Mappa per le vacanze in Europa 2021

Dov’è possibile recarsi in vacanza con il camper o la caravan, questa estate e a quali condizioni?

Ecco la domanda che i clienti camperisti e caravanisti pongono a Swiss Camper Store.
Non si tratta di una domanda banale ma di un vero e proprio rompicapo, dopo l’entrata in vigore di misure cantonali, nazionali e internazionali di lotta contro la pandemia.

Eppure, secondo l’ultimo Barometro TCS dei viaggi, il 47% della popolazione svizzera è intenzionato a partire in vacanza all’estero.

Noi di Swiss Camper Store abbiamo trovato la risposta giusta grazie al TCS che mette gratuitamente a disposizione su www.tcs.ch una mappa dell’Europa che riassume tutte le informazioni necessarie prima di partire per un Paese vicino. Vi figurano le destinazioni europee più ambite, come l’Italia, la Spagna e la Croazia.

Per mezzo di questa mappa, è possibile informarsi in modo dettagliato sul tipo di test al quale occorre sottoporsi e quante ore prima della partenza, ma anche la durata di un’eventuale quarantena, gli obblighi legati al porto della mascherina e le disposizioni relative agli assembramenti in ambito privato e pubblico o gli eventuali orari di coprifuoco.

Si tratta di informazioni ottenute e verificate dal TCS, in collaborazione con i suoi numerosi partner europei. Questa mappa elenca pure le raccomandazioni dell’UFSP e del DFAE. Oltre alle destinazioni europee, la stessa consente di trovare le varie misure cantonali in vigore, onde semplificare gli spostamenti in Svizzera.

Per maggiori informazioni: qui

Estate 2021 TCS boom dei campeggi in Svizzera

Leader del campeggio in Svizzera, TCS Camping ha visto aumentare nel 2020 i pernottamenti turistici, raggiungendo quota 780’000, con un incremento di oltre il 25%, rispetto all’anno precedente.

Alla luce delle prenotazioni anticipate, le vacanze in campeggio dovrebbero registrare un grande successo anche nell’estate 2021. Molte novità attendono i visitatori, dal villaggio glamping pop-up di Laax al campo da surf di Sion.

Le vacanze in contatto con la natura in Svizzera sono state particolarmente richieste nel 2020. Tutto ciò è stato avvertito anche nei 24 campeggi del TCS. Sebbene, a causa del semi-confinamento imposto dalla pandemia di coronavirus, i campeggi siano stati costretti ad aprire le porte nove settimane più tardi del previsto, alla fine della stagione essi hanno registrato un nuovo primato di pernottamenti. 

Il lockdown ha ulteriormente rafforzato la domanda di vacanze nella natura, non complicate e conformi alle disposizioni di sicurezza sanitaria. Inoltre, a causa dell’incerta situazione sulle condizioni di viaggio, molti Svizzeri hanno deciso di trascorrere le vacanze nel loro paese d’origine”, sottolinea Oliver Grützner, responsabile di Turismo & tempo libero presso il TCS. Circa il 90% degli ospiti dei 24 campeggi del TCS provenivano così dalla Svizzera.

Particolarmente richiesti nei mesi estivi erano i luoghi vicini all’acqua. Inoltre – secondo Olivier Grützner – i campeggi hanno accolto numerosi “nuovi campeggiatori” e registrato il ritorno di ex-campeggiatori.

Vi è poi stato un forte aumento di caravan e di camper.

Primavera arriviamo!

Primavera arriviamo!
L’inverno è finito, e la natura ci chiama.
È arrivata la primavera, quindi adesso i giorni sono più lunghi, il sole è più caldo.

Davvero non abbiamo voglia di uscire di casa e immergersi nel verde?

Ecco quindi splendidi paesaggi, occasioni di relax imperdibili, il tutto nel nostro bel Ticino, perché con il camper o la caravan non è detto che bisogna per forza fare chissà quanti chilometri, a volte, dietro casa si trova quello che nemmeno ti aspetti!
Picnic fra i grotti di Cevio

La Vallemaggia è conosciuta per la sua grandiosa natura e l’offerta di un ricco patrimonio culturale, di cui fanno parte indubbiamente i grotti ticinesi. In origine, erano cantine scavate nella roccia per lo stoccaggio di derrate alimentari. A Cevio si trova un grosso nucleo di questi grotti storici, che sono stati costruiti nei massi depositati da una grande frana. Il Sentiero dei grotti, un percorso didattico lungo circa 45 minuti, conduce a più di 60 cantine, alcune delle quali possono essere ammirate anche all’interno. Chi desidera assaporare le specialità culinarie della valle su un antico tavolo di pietra lungo il sentiero didattico, da aprile a ottobre ha la possibilità di prenotare, nel Negozio Val Magìa di Cevio, un cesto picnic con prodotti locali al prezzo di CHF 20.–. Oltre alle prelibatezze ticinesi il cesto include un’entrata al Museo Valmaggia e un buono per un caffè nel vicino Grotto Franci.

www.museovalmaggia.ch
Boccia al bosco – Escursione a piedi, giocando, attraverso la Valle Verzasca

La Valle Verzasca è una meraviglia della natura, con il suo fiume verde smeraldo, i levigati e arrotondati massi di gneiss e i tipici villaggi di montagna, le cui case di pietra si inseriscono con armonia nel paesaggio. Lungo il fiume si snoda il Sentiero Verzasca, che da non molto vanta una nuova attrattiva: la Boccia al bosco. Un piacere per l’intera famiglia, con cui i bambini possono appassionarsi alle escursioni e alla natura in maniera giocosa. Boccia al bosco, o in breve BoBosco, è il nome del nuovo percorso interattivo, con numerose piste per bocce, che assomigliano a una pista per le biglie in formato gigante. Con la boccia di legno in mano si percorrono, dalla partenza a Brione fino all’ultima postazione a Lavertezzo, 5.5 chilometri immersi nel verde, accompagnati dal mormorio del fiume. Le 11 postazioni del percorso boccia sono realizzate in legno di castagno locale. Le bocce sono portate in postazione di partenza con teleferiche, chiuse d’acqua, carrucole e catapulte. Poi corrono lungo il tragitto su svariati percorsi. Idilliche aree di balneazione e varie zone picnic invitano a una pausa sulla sponda del fiume. Il punto di partenza e di arrivo sono ben raggiungibili con l’AutoPostale e, grazie alle fermate intermedie, si può anche abbreviare il percorso. Le bocce di legno possono essere acquistate per CHF 7.– da aprile a ottobre in diversi punti vendita, come il Mini Market Brione, il chiosco di Lavertezzo o l’Infopoint presso la diga all’ingresso della valle.

www.bobosco.ch
Sentiero del Bisbino – Nuovo sentiero escursionistico nel Mendrisiotto

La Valle di Muggio, la valle più meridionale del Ticino e della Svizzera, è fiancheggiata sulla destra dal Monte Bisbino, sulla cui cresta corre un tratto del confine italo-svizzero. Il nuovo Sentiero del Bisbino, il cui tracciato circolare di 9 chilometri è stato di recente provvisto di segnali, si snoda dalla valle alla cima della montagna e premia le fatiche dell’ascesa con una vista panoramica che si spinge fino a Milano. Punto di partenza e di arrivo dell’escursione della durata di tre ore e mezza è la località di Sagno (693 m s.l.m.). Dal centro del paese, si segue un’antica mulattiera lastricata fino in zona Crusètt, dove un casotto di legno un tempo adibito a garitta e un cippo di confine segnano la frontiera con l’Italia. Da qui, si continua lungo un sentiero battuto, che sale meno ripido attraverso prati e boschi di betulle fino a Sella Cavazza. Dopo altri venti minuti circa, si raggiunge la cima del Monte Bisbino (1’325 m s.l.m.), già in territorio italiano, dove si trovano un santuario dedicato alla Santa Vergine, una stazione meteorologica e un ristorante. Nelle giornate limpide, da quassù si ha una vista spettacolare del lago di Como e delle montagne alle spalle della Pianura Padana, così come della Valle di Muggio. La via del ritorno parte da Sella Cavazza e segue una forestale fino al rientro a Sagno.

ticino.ch/hike404
Nuovi itinerari per e-bike nella regione del Luganese

Il Luganese è disseminato di stazioni comode e ben attrezzate per la ricarica delle biciclette elettriche. Nel suo complesso, l’itinerario regionale specificamente concepito per gli amanti della e-MTB si snoda lungo 230.8 km, di cui 89 non asfaltati e 24 in singletrail, e può essere suddiviso in cinque tappe. Il percorso panoramico porta dal Lago di Lugano al Malcantone, passa per Rivera, si spinge fino al Monte Ceneri e si addentra poi nell’incantevole Val Colla. Dal Monte Bar, oltrepassa i Denti della Vecchia e attraverso il Monte Brè ritorna al Lago di Lugano. Nell’ultima tappa, tocca Carona e Morcote, due dei paesini più belli della Svizzera italiana. Gli itinerari possono essere percorsi singolarmente e sono classificati in base al grado di difficoltà, basso o medio. Tutti, a ogni modo, condividono alcuni tratti fondamentali: la strabiliante varietà del paesaggio, il fascino delle caratteristiche baite e i ristoranti regionali che invitano a fermarsi per un boccone lungo la strada. La descrizione dettagliata del tour è disponibile sul sito

https://www.luganoregion.com/it/e-vtt
Due nuovi trail per MTB – Ceneri Bike e Valle Morobbia Bike in Alto Ticino

Dall’aprile 2021, gli appassionati di MTB troveranno ad attenderli in Alto Ticino due nuovi itinerari. Se l’anno scorso è stato inaugurato il sentiero escursionistico Via del Ceneri in occasione dell’apertura della galleria di base del Ceneri, ora è il turno del percorso Ceneri Bike sul Monte Ceneri, con grado di difficoltà media. Il nuovo itinerario Ceneri Bike si snoda tra boschi di castagni e latifoglie ed è un viaggio nella natura e nella storia, con diversi single trail e brevi tratti ripidi che regaleranno un’emozione anche ai biker più esperti. Il percorso, lungo 22 chilometri e con 900 metri di dislivello, è percorribile quasi tutto l’anno e offre splendide viste panoramiche sul Piano di Magadino fino al Lago Maggiore. L’itinerario parte e termina alla stazione ferroviaria di Cadenazzo (ticino.ch/bike102). Un po’ più a nord, il nuovo percorso MTB Valle Morobbia Bike è un tracciato lungo 20 chilometri con circa 900 metri di dislivello che attraversa lo splendido paesaggio della Valle Morobbia. Da Giubiasco si sale su una ripida strada a serpentina, lungo il percorso della storica gara ciclistica Giubiasco-Carena, fino al Passo San Jorio. A Carena inizia un single trail che attraversa uno splendido bosco di castagni e conduce verso i Monti di Paudo. La discesa sorprende con una splendida vista panoramica su Bellinzona e i suoi tre castelli medioevali, che dall’anno 2000 fanno parte del Patrimonio mondiale dell’UNESCO. Una ripida mulattiera si spinge fino al Castello di Sasso Corbaro, che troneggia su uno sperone roccioso, e prosegue poi oltrepassando il Castello di Montebello, fino ad arrivare alla stazione ferroviaria di Bellinzona. (Ticino.ch/bike101)

ticino.ch/bike102 / ticino.ch/bike101
Spesa in fattoria – Una capatina in bici alle fattorie del Piano di Magadino

Andare in bicicletta è da sempre la passione di Marcello Stivan. Con il suo tour Spesa in fattoria coniuga questa passione per la mobilità ecologica con il consumo sostenibile, acquistando direttamente dai produttori. Il mercoledì mattina, se il tempo è bello, offre la possibilità di andare a fare la spesa in compagnia in bicicletta nelle fattorie del Piano di Magadino. Il punto di incontro è la stazione ferroviaria di Bellinzona. Chi non ha la sua bicicletta può noleggiarne una da lui. La piacevole pedalata verso le imprese agricole è facile e si svolge lontano dal traffico stradale, attraversando il Piano di Magadino tra campi di mais, frutteti, mucche, gatti e galline. Ogni azienda agricola offre le proprie specialità: verdure fresche, frutta succulenta, fra cui a seconda della stagione anche frutti di bosco, che servono da spuntino durante la gita. Formaggio d’alpe, yogurt e gelato, miele, uova e salumi locali vengono trasportati da Marcello per gli ospiti in un contenitore termico. Ai bambini il tour offre molte attività, poiché le fattorie sono perfettamente preparate per la visita dei più piccoli con altalene, trattori giocattolo, pastelli e animali. La partecipazione costa CHF 5.– con un acquisto minimo di CHF 20.–.

ticino.ch/magadino
Nuova Fit & Fun Arena a Faido con pump track e palestra di boulder

Nella cornice di un ambiente verde è stato costruito a Faido un nuovo centro sportivo e per il tempo libero all’aperto, che sarà inaugurato ufficialmente nell’aprile 2021. Su un pump track, lungo 190 metri e largo 2 metri, gli sportivi di ogni età potranno mettere alla prova le loro abilità tecniche e acrobatiche con biciclette, pattini a rotelle, trotinette o skateboard. Oltre a dossi e curve paraboliche, ci sono anche un breve percorso preparato, dove i mountainbiker potranno perfezionare la loro coordinazione e tecnica di guida mediante rampe, e un sentiero fitness all’aria aperta. Nell’Arena è presente inoltre una nuova area boulder attrezzata con diversi gradi di difficoltà. L’accesso agli impianti è gratuito e illimitato. Poco lontano dalla nuova Fit & Fun Arena si trova la cascata Piumogna, alta 43 metri e fra le più spettacolari in Ticino, che invita a godersi un piacevole picnic nel verde.